Dalla percentuale di aumento ipotizzato, come descritto nella relazione tecnica allegata al disegno di legge 2960, si ricavano gli aumenti mensili lordi per dipendente pubblico per gli anni 2016-2018, nel rispetto asserito dell’intesa raggiunta tra Governo e le organizzazioni sindacali del 30 novembre scorso. Per il biennio 2016/2017, netto dell’assegno di indennità di vacanza contrattuale (IVC), bloccato dal 2008 al 2018, sono previsti appena 9 euro di aumenti mensili. E solo 54 euro per il 2018. Al netto dei ricorsi e delle diffide per sbloccare l’indicizzazione dell’Indennità di vacanza contrattuale, la firma di questo contratto farebbe perdere 4.732 euro lordi a dirigente pubblico.

Marcello Pacifico (presidente Udir): Bisogna calcolare che gli aumenti sono lordo Stato, per cui si deve dividere per 1,3838 e a sua volta detrarre il 35% di tassazione lordo dipendente. Eppure, se si sbloccasse l'indicizzazione dell'indennità di vacanza contrattuale dal 1° settembre 2015, per lo stesso triennio, lo Stato dovrebbe assegnare 4.732 euro lordi di arretrati e poi 368 euro mensili per il solo 2018. Per questo motivo, è importante inviare la diffida in attesa di una nuova pronuncia della Consulta per interrompere la prescrizione.

 

In Senato, non trovano seguito gli emendamenti Udir per l’adeguamento stipendiale dei dirigenti scolastici: rimangono al palo Fondo Unico Nazionale e Ria per assunti degli ultimi anni. Allo stesso modo, non giungono buone notizie nemmeno per gli altri dirigenti pubblici. Ne consegue che l’atteso rinnovo di contratto della categoria dirigenziale della PA si tradurrà in un lieve incremento, che non coprirà nemmeno quell’inflazione che nell’ultimo decennio è cresciuta oltre i compensi mensili.

Dalla percentuale di aumento ipotizzato, come descritto nella relazione tecnica allegata al disegno di legge n. 2960, si ricavano gli aumenti mensili lordi per dipendente pubblico per gli anni 2016-2018, nel rispetto asserito dell’intesa raggiunta tra Governo e le organizzazioni sindacali (CGIL, CISL, UIL) del 30 novembre 2016. Per il biennio 2016/2017, netto dell’assegno di indennità di vacanza contrattuale (IVC), bloccato dal 2008 al 2018, sono previsti appena 9 euro di aumenti mensili. E solo 54 euro per il 2018.

Il problema è che se non si trova l’accordo sulle risorse o se queste non sono disponibili, dovrebbe scattare per legge l’erogazione di un assegno mensile che copra almeno il 50% della previsione annuale del costo della vita. La legge 203/2008, prima del suo blocco operato dalla legge 122/2010 e reiterato dalle leggi 147/2013 e 190/2014, è chiara: in attesa del reperimento delle risorse per la firma di un contratto deve essere erogato a ogni dipendente pubblico un aumento mensile pari al 50% dell’inflazione annuale programmata (IVC), così da permettere di coprire il restante 50% nelle successive leggi di stabilità. Ecco perché, al netto dei ricorsi e delle diffide per sbloccare l’indicizzazione dell’Indennità di vacanza contrattuale, la firma di questo contratto farebbe perdere 4.732 euro lordi a dirigente pubblico.

“Dai nostri calcoli – dichiara Marcello Pacifico, presidente Udir e segretario organizzativo Confedir – questi sono i soldi veri che andranno negli stipendi, messi nella Legge di Stabilità 2018. Bisogna calcolare, infatti, che gli aumenti sono lordo Stato, per cui si deve dividere per 1,3838 e a sua volta detrarre il 35% di tassazione lordo dipendente. Eppure, se si sbloccasse l'indicizzazione dell'indennità di vacanza contrattuale dal 1° settembre 2015, per lo stesso triennio, lo Stato dovrebbe assegnare 4.732 euro lordi di arretrati e poi 368 euro mensili per il solo 2018. Per questo motivo, è importante inviare la diffida in attesa di una nuova pronuncia della Consulta per interrompere la prescrizione”, spiega ancora il presidente Udir.

Ecco perché Confedir - cui Dirconf, Prodirmed, Udir aderiscono tra gli altri, sindacati dei dirigenti degli enti locali e centrali, dei medici, dei dirigenti scolastici – consiglia di andare in tribunale. È ancora possibile presentare ricorso al giudice del lavoro per ottenere lo sblocco dell'indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018. Il ricorso, che sarà attivato dopo la pronuncia favorevole della Consulta, si propone un recupero medio annuale di 2.386,43 euro nel 2018 e di recuperare 5.704,04 euro di arretrati da settembre 2015 fino alla firma del prossimo CCNL Dirigenza scuola, università e ricerca. Per partecipare al ricorso è necessario inviare la diffida scaricabile al completamento della procedura di pre-adesione gratuita al ricorso, al fine di interrompere i termini di prescrizione.

Possono effettuare la preadesione al ricorso tutti i dirigenti scolastici degli istituti statali di ogni ordine e grado. Il Dirigente dovrà inviare la diffida predisposta da UDIR al fine di richiedere l'adeguamento dell'Indennità di Vacanza Contrattuale. La diffida è scaricabile dalla pagina che si aprirà dopo aver cliccato sul tasto “aderisci”. La preadesione è propedeutica, attraverso l’invio della diffida, all’instaurazione del contenzioso che non avrà costi iniziali di attivazione. L'adesione al ricorso è gratuita.

 

Tabella UDIR sugli aumenti che dovrebbero essere corrisposti ai dirigenti statali:

disavanzo rispetto agli stanziamenti della Legge di Bilancio 2018 in fase di approvazione

2015

0

1.840

142

4,3

-611

 

2016

156

12

0,36

1.846

142

4,26

-1.690

-130

2017

468

36

1,09

2.015

155

4,66

-1.547

-119

2018

1.508

116

3,48

2.392

184

5,51

-884

-68

-4.732

 

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Dirigenti scolastici, sciopero del 25 maggio: Udir scrive ai 7mila presidi italiani

Settimana calda per i Dirigenti scolastici, Udir chiede agli altri sindacati di aderire allo sciopero del 25 maggio: non basta partecipare alla protesta prendendo un giorno di ferie

Sciopero dirigenti scolastici, in migliaia incrociano le braccia: il Governo ne tragga le conseguenze

Dirigenti scolastici, ma quale valorizzazione: la riforma Madia blocca le indennità, il FUN non potrà crescere di un euro

Dirigenti scolastici nel mirino del Miur, nel Lazio devono restituire 3.355 euro a testa ma il calcolo è errato

Dirigenti scolastici, la spending review non è finita: stipendi tagliati di 350 euro

Dirigenti scolastici, amministrazione nel pallone: in Sicilia stipendi diversi in base alla provincia

Dirigenti scolastici, in 2mila scrivono alla Ministra: basta parole, abbiamo responsabilità crescenti e lo stipendio che si riduce

Dirigenti scolastici, solo a parole si vuole ridurre il gap rispetto agli altri comparti: dalla Legge di Stabilità in arrivo appena mille euro in più rispetto ai 13mila dovuti nel contratto e mai stanziati

Presidi, il gap rispetto ai dirigenti di Università e Ricerca è di 38mila euro annui e la Legge di Bilancio non li colma: servono 285 milioni di euro

Dirigenti scolastici, l’equiparazione degli stipendi agli altri lavoratori della stessa area è solo di facciata

Dirigenti scolastici, retribuzione individuale: per il giudice ai fini dell’anzianità vale pure il servizio maturato da docenti

Dirigenti scolastici, ma quale aumento di 400 euro netti al mese? Sono appena 160 e pure a rate

Dirigenti scolastici, la pazienza è finita: arrivano i ricorsi contro il taglio del Fun, cosa andiamo a chiedere al giudice

LEGGE DI STABILITÀ - Udir presenta in Senato emendamenti su perequazione interna ed esterna, sicurezza, ripristino e aumento Fun

LEGGE DI STABILITÀ – Dirigenti scolastici, Udir chiede al Senato di affrontare il nodo degli stipendi

© 2016 All Rights Reserved