ROMA, 17 DIC - Le nuove norme sull'accompagnamento dei minori di 14 anni previste dalla legge di conversione del cosiddetto decreto legge fiscale e approvate in via definitiva, che sanciscono l'uscita degli allievi dai locali scolastici esonerando da ogni responsabilità il personale della scuola, a partire dal capo d'istituto, "erano divenute indispensabili dopo lo scalpore conseguito alla recente pronuncia della Cassazione che ha condannato un capo d'istituto e l'insegnante dell'ultima ora di lezione a seguito della morte di un alunno toscano subito dopo l'uscita dal suo istituto". A sostenerlo è il sindacato Udir. Dice Marcello Pacifico, presidente Udir: "La nostra azione è stata martellante ed efficace. Siamo sempre stati convinti della necessità di questo provvedimento: il personale non può prendersi delle responsabilità anche al di fuori delle mura scolastiche. In questo modo, si consentirà ai genitori di scegliere se andare o meno a riprendere a scuola i figli con meno di 14 anni. Sgravando le scuole, anche in presenza di un servizio di trasporto scolastico, da eventuali responsabilità penali derivanti da possibili incidenti o problemi sopraggiunti fuori dall'edificio scolastico. Perché, lo ribadiamo, la scuola non è un albergo e la 'culpa in vigilando' vale solo in orario didattico". D'ora in poi i genitori delle ragazze e dei ragazzi minori di 14 anni potranno legittimamente autorizzare le scuole frequentate dai propri figli a consentirne l'uscita autonoma dai locali scolastici al termine dell'orario delle lezioni, in considerazione dell'etaà, del grado di autonomia e dello specifico contesto, nell'ambito di un processo di autoresponsabilizzazione. Il rilascio dell'autorizzazione da parte della famiglia avrà l'effetto di esonerare il personale scolastico dalla responsabilità connessa all'adempimento dell'obbligo di vigilanza. (ANSA)

 

 

© 2016 All Rights Reserved