Sono ore frenetiche a Palazzo Madama, perché i senatori hanno pochissimo tempo per esaminare le richieste di modifica del disegno di legge n. 2960, già approvato dal CdM, su cui tra poco più di dieci giorni dovrà poi esprimersi l’Aula di Palazzo Madama. Le richieste delle due associazioni sindacali provengono dalla “base” e sono arrivate in Parlamento attraverso parlamentari di varie appartenenze politiche.

Le richieste vanno dai nuovi corsi per diventare dirigente scolastico, una parte di questi posti messi a bando vanno riservati ai ricorrenti della selezione 2011 e ai vicari, alla perequazione interna ed esterna dei dirigenti scolastici che, pure con gli aumenti già previsti con la Legge di Bilancio, continueranno a percepire compensi fortemente ridotti, praticamente dimezzati, rispetto ai colleghi della stessa area dirigenziale, pur avendo responsabilità e carichi di lavoro spaventosamente più alti. Le modifiche da apportare riguardano anche la sicurezza degli istituti che, se non affrontata, potrebbe portare alla chiusura di svariati plessi, ma anche la riapertura delle GaE, il cui blocco quinquennale sta creando situazioni di estremo disagio e di cattedre scoperte, la trasformazione degli organici di fatto in diritto e dei 40mila posti in deroga sul sostegno, la corretta ricostruzione di carriera del personale assunto e l'assunzione per docenti della scuola dell’Infanzia, Ata, educatori, tutti incredibilmente dimenticati dal piano straordinario della Legge 107. E tanti altri. A livello universitario, il sindacato rivendica il ripristino dell’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Siamo consapevoli del poco tempo a disposizione che hanno i senatori per valutare la compatibilità dei costi delle nostre richieste rispetto alle risorse pubbliche e per questo ci appelliamo alla loro sensibilità per salvare un comparto, quello della conoscenza, che ha estremo bisogno di interventi immediati, da attuare quindi con questa Legge di Stabilità. Rimandare sine die i problemi, non farà che aggravare lo stato di un’istruzione pubblica sempre più declassata, rispetto ai Paesi moderni, su più fronti: sicurezza, gestione del personale, carriere, assunzioni e tanto altro.

 

Ci sono anche 40 emendamenti su Scuola, Università e Ricerca tra quelli che in queste ore la Commissione Bilancio del Senato è chiamata ad esaminare per definire il testo del disegno di legge n. 2960, approvato dal CdM, su cui tra poco più di dieci giorni dovrà poi esprimersi l’Aula di Palazzo Madama: a formularli e presentarli ai senatori di competenza, sulla base delle richieste provenienti dalla “base”, ovvero dal personale impegnato quotidianamente nelle formazione dei giovani, sono state le associazioni sindacali Anief e Udir.

Gli emendamenti dei due giovani sindacati sono trasversali e prevalenti sul versante dell’Istruzione pubblica che necessita più che mai di accorgimenti e norme mirate alla risoluzione dei problemi. La necessità di approvare il piano di emendamenti presentato si riscontra anche dalle varie appartenenze dei parlamentari che hanno sostenuto le richieste: si va dai senatori Gian Marco Centinaio e Silvana Andreina Comaroli (Lega Nord), ai sen. Alessia Petraglia, Fabrizio Bocchino e altri del Gruppo Misto - Sinistra e libertà, dal Remigio Ceroni (Forza Italia), a Manuela Serra, Enza Blundo e altri del M5S, sino a Guido Viceconte (Alternativa Popolare).

Le richieste di modifica del testo giunto al Senato vanno dai nuovi corsi per diventare dirigente scolastico, una parte di questi posti messi a bando vanno necessariamente riservati ai ricorrenti della selezione 2011 e ai vicari, alla perequazione interna ed esterna dei dirigenti scolastici che, pure con gli aumenti già previsti con la Legge di Bilancio, puramente di facciata, continueranno a percepire compensi fortemente ridotti, praticamente dimezzati, rispetto ai colleghi della stessa area dirigenziale, pur avendo responsabilità e carichi di lavoro spaventosamente più alti.

Le modifiche da apportare riguardano anche la sicurezza degli istituti, su cui il sindacato ha svolto di recente un’audizione a Montecitorio e che se non affrontata potrebbe portare alla chiusura di svariati plessi, ma anche la riapertura delle GaE, il cui blocco quinquennale sta creando situazioni di estremo disagio e di cattedre scoperte, la trasformazione degli organici di fatto in diritto e dei 40mila posti in deroga sul sostegno, la corretta ricostruzione di carriera del personale assunto e l'assunzione per docenti della scuola dell’Infanzia, Ata, educatori, tutti incredibilmente dimenticati dal piano straordinario della Legge 107/2015. A livello universitario, invece, il sindacato rivendica il ripristino dell’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato.

“Siamo consapevoli del poco tempo a disposizione che hanno i senatori per valutare la compatibilità dei costi delle nostre richieste rispetto alle risorse pubbliche – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e Udir – ma ci appelliamo alla loro sensibilità per salvare un comparto, quello della conoscenza, che ha estremo bisogno di interventi immediati, da attuare quindi con questa Legge di Stabilità. Rimandare sine die i problemi, non farà che aggravare lo stato di un’istruzione pubblica sempre più declassata, rispetto ai Paesi moderni, su più fronti: sicurezza, gestione del personale, carriere, assunzioni e tanto altro”.

Di seguito, l'elenco completo degli emendamenti richiesti da Anief e Udir o vicini alle proposte di modifica segnalate in Commissione in risposta alla richiesta di audizione (riportati anche sul sito internet del Senato):

 

UDIR

53.1 (Ceroni) aumento fondo per perequazione esterna Ds

53.14 (Viceconte), 53.15 (Serra.), 53.16 (Centinaio.), responsabilità Ds su sicurezza scuole

53.18 (Centinaio.) aumento del Fun per DD.SS.

53.19 (Centinaio.) assegnazione Ria a DD.SS. assunti dal 2001

 

ANIEF

53.10 (Centinaio.), 53.11 (Ceroni) nuovo corso riservato ai ricorrenti 2011 e 2015 per diventare dirigente scolastico

53.20 (Centinaio.) ammissione in sovrannumero dei vicari con 36 mesi di servizio quali reggenti a concorso a Ds

53.010 (Bocchino.), 54.019 (Centinaio.) insegnamento di diritto primo biennio superiori e potenziamento con cittadinanza e costituzione

53.015 (Petraglia.), 54.022(Centinaio.) abolizione chiamata diretta

53.019 (Viceconte) autorizzazione a uscita dei minori dalle scuole

53.024 e ‎53.025 (Petraglia.) assunzioni infanzia sezioni primavera e potenziamento

54.058 (Blundo.) assunzioni infanzia

54.024 (Centinaio.) estensione potenziamento a educatori, Ata, infanzia

54.059 (Montevecchi.) potenziamento infanzia

54.1 (Centinaio) abolizione limite supplenze Ata

54.3 e 54.14 (Centinaio) abolizione limite 8 anni ammissione Ata reggenti corso Dsga anche in sovrannumero

54.13 (Centinaio) graduatoria Ata 24 mesi per ruolo Dsga

54.4 (Serra.) piano straordinario assunzioni Ata

54.5, 54.6, 54.7 (Petraglia.) sblocco assunzioni Ata, supplenze e potenziamento

54.9 (Petraglia) trasformazione posti in deroga su sostegno in organico di diritto

54.017 (Petraglia.) assunzioni educatori su posti infanzia

54.028 (Centinaio.) educatori su infanzia per mobilità

54.021 (Centinaio.) adeguamento organico di fatto a organico di diritto su posti senza titolari e sblocco assunzioni con stabilizzazione precariato, adeguamento delle norme legislative e contrattuali alle sentenze della Cassazione sulla progressione e ricostruzione di carriera, ripristino primo gradone stipendiale per neoassunti dal 2011, eliminazione della temporizzazione per gli Ata divenuti Dsga, insegnamento come lavoro usurante

54.025 (Petraglia.) e 54.026 (Centinaio.) riapertura delle GaA agli abilitati e abolizione del vincolo triennale

54.072 (Centinaio) abolizione obbligo vaccinazione

56.19 (Centinaio) ripristino assunzione ricercatori a tempo indeterminato e sblocco 

 

 

COMUNICATI CORRELATI:

 

Dirigenti scolastici, negli ultimi quattro anni hanno perso tra il 15% e il 27%: 4.600 euro l’anno

In Italia chi dice donna dice scuola: 82% degli insegnanti e 6 presidi su 10

Edilizia, la metà degli istituti costruiti prima del 1971: oggi due su dieci chiusi o in ristrutturazione

Sicurezza, nel Centro-Italia centinaia di istituti da adeguare: possono accedere al “sisma-bonus”, ma prima i dirigenti devono presentare il Documento valutazione rischi

Edilizia, Udir: il tempo delle 'Scuole Belle' è finito, serve una Governance perché i presidi hanno le mani legate

Anief-Udir: addio al contratto, non ci sono i soldi e ora pure i sindacati che hanno firmato l’intesa sugli 85 euro se ne accorgono

Contratto, la Ministra si impegna ma i lavoratori sono fermi allo stipendio del 2009: questa è l’unica certezza

Nella Legge di Stabilità risorse col bilancino, ma servono 30 miliardi solo per gli stipendi

Stipendi scuola, in arrivo aumenti ridicoli: recupera 2.127 euro di arretrati di indennità di vacanza contrattuale e ottieni 95 euro di aumenti mensili nel 2018

Contratto, pubblicato l’Atto di indirizzo: poco più di un miliardo di euro per oltre un milione di dipendenti porteranno aumenti ridicoli dopo il blocco decennale

Contratto, Miur replica all’Anief: i soldi per gli 85 euro di aumento ci sono. Il sindacato non ci crede: solo per la scuola servono 2,3 miliardi aggiuntivi, li avete chiesti al Mef?

Rinnovo del contratto, dopo il Ponte di Ognissanti riparte l’inutile trattativa all’Aran

Rinnovo stipendio, petizione docenti contro gli aumenti previsti: vogliamo 200 euro netti al mese, diffidiamo i sindacati maggioritari dal firmare per cifre ridicole

Legge di Bilancio al Senato, per la scuola il piatto piange

Legge di Stabilità, per studenti e personale nulla di buono: la riforma Buona Scuola non si tocca e ai dipendenti solo 31 euro di aumento

PA e SCUOLA – Legge di Stabilità, il bluff è servito: da gennaio agli statali 66 euro di aumento anziché gli 85 pattuiti: arretrati scandalosamente bassi, appena 14 euro mensili per 2016-2017 e quelli del 2015 scompaiono

LEGGE DI STABILITÀ – Scuola, Anief presenta una serie di proposte emendative in V–VII Commissione: i senatori valutino con attenzione

LEGGE DI STABILITÀ – Docenti, servono modifiche per correggere l’ultima riforma: Anief chiede al Senato di intervenire su mobilità, GaE, educatori, potenziamento e organici

 

© 2016 All Rights Reserved