italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura coprirà
tutte le regioni italiane.

SCOPRI ADESSO COME FARNE PARTE!

Vai all'articolo

Dopo il convegno Udir “Dal ministero dell'Istruzione alla scuola dell'Autonomia: dirigere al tempo del Pnrr tra sicurezza, edilizia e investimenti” che si è svolto a Catania il 22 settembre, oltre ad aver presentato il manifesto politico che sarà la base di interlocuzione con il nuovo parlamento, il consiglio nazionale di Udir ha deciso di ampliare la propria struttura nominando quattro nuovi segretari generali.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, ha nominato quattro dirigenti scolastici come segretari generali, gli stessi si occuperanno di portare avanti specifiche tematiche necessarie per il lavoro dei dirigenti come professionisti, ma anche di tematiche a tutela del dirigente come lavoratore.

Pietro Perziani e Patrizia Costantini avranno la delega alla contrattazione e al CCNL, Sergio Marra si occuperà del tema della mobilità, Leon Zingales della formazione e Dario Tumminelli precedentemente nominato avrà delega all’organizzazione.

Dopo il convegno Udir “Dal ministero dell'Istruzione alla scuola dell'Autonomia: dirigere al tempo del Pnrr tra sicurezza, edilizia e investimenti” che si è svolto a Catania il 22 settembre, oltre ad aver presentato il manifesto politico che sarà la base di interlocuzione con il nuovo parlamento, il consiglio nazionale di Udir ha deciso di ampliare la propria struttura nominando quattro nuovi segretari generali.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, ha rilasciato un’intervista all’agenzia Italia stampa: il leader dell’associazione sindacale ha affermato che sono tanti i temi di cui ci si sta occupando. “Dalla sicurezza alle assunzioni, Udir si conferma interprete nel dialogo col legislatore. Abbiamo anche pensato a un Manifesto politico per costruire la dirigenza del domani, con un incontro organizzato insieme a Eurosofia che metta la dirigenza al centro del dibattito. La figura del docente scolastico deve essere fortemente valorizzata e motivata. Importante percorrere una strada che porti a una scuola del futuro più forte”.