Il problema delle reggenze è stato più volte sollevato da Udir, giovane sindacato che tutela la categoria dei DS: con l’inizio del nuovo anno scolastico, infatti, una scuola su quattro non ha un dirigente, con casi traumatici in Sardegna e nel Friuli dove è in servizio soltanto il 60% dei dirigenti scolastici. Secondo il sindacato la soluzione deve essere tempestiva, semplificando, in primis, le procedure di selezione e formazione del nuovo concorso in atto; è, inoltre, necessario riaprire una procedura riservata ai ricorrenti del 2011, per evitare l’annullamento del corso riservato svoltosi nel 2015, quando si pronuncerà la Consulta in autunno sulla Buona Scuola. Ogni sede di dirigenza, infatti, già gestisce tre-cinque plessi, spesso dislocati anche in comuni diversi, per non parlare poi delle reggenze che, per neanche 3 mila euro annui lordi in più per DS, decretano la gestione di altri istituti a diversi chilometri di distanza, con rischi quotidiani legati alla sicurezza, alla normale gestione dell’attività didattica e dell’offerta formativa.

A tale proposto, Udir ha raccolto l’esperienza di una dirigente scolastica abruzzese, Maria Patrizia Costantini, che, oltre a palesare le difficoltà legate alla reggenza, si sofferma pure sul contatto DS, altra problematica rilanciata dal sindacato.

 


Lo spostamento delle risorse dal FUN 2017-18 e quello previsto ‘solo’ per il 2019 per i reggenti si rivelerebbe una doppia sciagura. Le reggenze infatti sono pagate con un’indennità fissa mensile, cui si somma un incremento della retribuzione di risultato in misura pari all’80% della retribuzione di posizione, parte variabile, che caratterizza il posto assunto in reggenza (in ragione delle fasce di complessità). Ora, è di tutta evidenza che la diminuzione del FUN per l'anno appena trascorso e per il 2019 penalizzerebbe due volte i reggenti che si sarebbero sobbarcati un notevole impegno per un compenso ancora più incongruo di quello che è stato fin a ora percepito.  Richiediamo   incarichi aggiuntivi - e talvolta li subiamo d'ufficio - di cui non è dato conoscere in anticipo il compenso: il Miur ha risparmiato centinaia di milioni di euro procrastinando i concorsi a DS e pagando le reggenze con i soldi del FUN, anomalia tutta italiana, ma di questi risparmi i dirigenti scolastici non hanno beneficiato in alcun modo. Anzi, si sono visti tagliare gli stipendi. Ma è possibile andare avanti così? Nel nuovo contratto dovrà almeno essere stabilito che le reggenze vanno pagate con appositi stanziamenti aggiuntivi del Miur e che il relativo compenso è certo e conosciuto fin dal conferimento dell'incarico. Altrimenti non si porrà mai fine alle nefaste conseguenze dello scellerato contratto sottoscritto nel 2010, che non sono mai state convintamente e concretamente affrontate, almeno fino a quando il forte malessere della nostra condizione renderà ineludibile prendere posizione. Ma siamo sicuri che il lupo abbia perso il pelo e pure il vizio?”  

Udir, in ogni regione d’Italia, ha organizzato una serie di giornate di studio dal titolo “Io Dirigente: Sicurezza, Salute, Retribuzione, Relazioni sindacali”. Calendario aggiornato dei seminari.

 

 

PER APPROFONDIMENTI: 

 

LEGGE DI STABILITÀ - Udir presenta in Senato emendamenti su perequazione interna ed esterna, sicurezza, ripristino e aumento Fun

LEGGE DI STABILITÀ – Dirigenti scolastici, Udir chiede al Senato di affrontare il nodo degli stipendi

RINNOVO CONTRATTO P.A. - Udir: ridotti alla miseria dirigenti statali della Scuola, Comuni, Regioni e medici

LEGGE DI STABILITÀ - Udir: ultimo appello ai deputati prima dell'apertura dei ricorsi sulla perequazione esterna

LEGGE DI STABILITÀ - Sicurezza scuole, tutto rimane come prima: i presidi saranno costretti a chiuderle

Cassazione: pure gli istituti non a norma in zone a basso rischio sismico vanno chiusi dai presidi. Appello Udir-Confedir ai dirigenti scolastici: non assumete più responsabilità sulla vostra pelle

Sicurezza, per lo Stato il tempo delle proroghe agli obblighi di prevenzione incendi è scaduto: le scuole senza certificazione vanno chiuse

Sicurezza, i dirigenti scolastici non dormono sonni tranquilli: troppi rischi sullo stato degli edifici, bisogna scrivere a Comuni e Province

Sicurezza, cambiano le norme antincendio ma i rischi rimangono alti e i dirigenti scolastici i capri espiatori

Sicurezza, gli alunni come i lavoratori: devono seguire i corsi di formazione organizzati dai dirigenti

SCUOLE INSICURE – Crolli ad Eboli e Fermo, inquietante silenzio sulle tragedie sfiorate: tanto poi la colpa è dei presidi

Dirigenti scolastici, si aprono le trattative all’Aran per la nuova area dell’istruzione e della ricerca: se ne parla domani a Palermo nel corso di un convegno nazionale Udir

Prevenzione incendi, è allarme per migliaia di istituti non a norma. Appello Udir ai presidi: tutelatevi diffidando Comuni o Province

Sicurezza degli edifici scolastici e ristrutturazioni edilizie. Pacifico (Udir): il dirigente scolastico non può essere perseguito come datore di lavoro

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza: nuovi obblighi per i dirigenti scolastici

Sicurezza, Udir: allarme già ampiamente dato, adesso vogliamo vedere i fatti

Crollano ancora tetti e controsoffitti, Bussetti minimizza: no allarmismi e chiusure preventive. Udir non ci sta: pronte le diffide ai Prefetti

Scuole insicure, dirigenti scolastici alle prese con una miriade di adempimenti da assolvere in fretta: neo-assunti e reggenti rischiano grosso

Sicurezza, il Ministro annuncia corsi della protezione civile per gli alunni. Udir: bene, ma devono studiare in istituti a norma

Dopo sei mesi di trattative si scopre che mancano i soldi per i dirigenti scolastici

Contratto dirigenti scolastici, si va verso la chiusura al ribasso



© 2016 All Rights Reserved - Privacy