In queste settimane Udir, giovane sindacato nato per tutelare i dirigenti scolastici, con l’intento di fornire un importante strumento di informazione e formazione, è impegnato, in tutta Italia, in una serie di giornate di studio Io Dirigente. Sicurezza, Salute, Retribuzione, Relazioni sindacali. Tra i temi trattati anche quello della tutela penale dei DS in tema di sicurezza: attraverso un’interpretazione attenta della normativa è possibile anche la chiusura delle scuole rimanendo esenti da responsabilità. L’ingegnere Natale Saccone, impegnato come formatore nei seminari, ha illustrato la procedura sulla chiusura degli istituti scolastici non sicuri.

 

 

Il dirigente scolastico ha il compito di garantire la sicurezza all’interno del proprio istituto, tutelando da un lato l’integrità psico-fisica dell’alunno e vigilando dall’altro sui soggetti a cui è demandato il compito di garantire la sicurezza, adottando misure atte a prevenire eventuali rischi all’interno delle istituzioni scolastiche. La principale responsabilità in capo al dirigente scolastico è pertanto quella di eliminare qualsiasi fonte di rischio, adottando i necessari provvedimenti organizzativi nei limiti fissati dalle norme per la sicurezza nelle scuole. Secondo l’art. 17 del D.Lgs. 81/2008, qualsiasi datore di lavoro ha due obblighi non delegabili: la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall’art. 28; la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Incendi. Le responsabilità e gli obblighi del dirigente scolastico, in termini di protezione e prevenzione della sicurezza sui luoghi di lavoro, sono a tutti gli effetti paragonati a quelle di un generico datore di lavoro; infatti il dirigente scolastico gestisce le risorse finanziarie e può adottare provvedimenti di gestione economica per garantire la sicurezza nella propria scuola di competenza. Pertanto deve prevedere misure riguardanti lo stanziamento di risorse per la costituzione del servizio di “sicurezza, protezione e prevenzione” (SSP). Nello specifico, il dirigente scolastico può stanziare risorse finanziare per: avvalersi di tutte le figure professionali esterne o interne alla scuola previste dalla legge sulla sicurezza sui luoghi di lavoro ed effettuare limitati ma urgenti interventi di adeguamento e messa in sicurezza della scuola.

Secondo l’ingegnere Saccone “l'unica condizione per la proposta di chiusura di un plesso è quando sono accertate le condizioni di pregiudizio della struttura scolastica tali da mettere a repentaglio la vita e l'incolumità di discenti e lavoratori. L'unico richiamo normativo nel TUSL oggi e riferito all'art. 44 recita al comma 1: "Il lavoratore che, in caso di pericolo grave, immediato e che non può essere evitato, si allontana dal posto di lavoro o da una zona pericolosa, non può subire pregiudizio alcuno e deve essere protetto da qualsiasi conseguenza dannosa". Pertanto si desume che solo nel caso del pericolo grave incombente ed inevitabile non si può subire pregiudizio”.

Secondo dunque il parere del dottor Natale Saccone, “il dirigente scolastico può, individuato il rischio che deve essere alto e tale da farsi sì che se si continuasse l'attività didattica ci potrebbero essere delle perdite di vite umane, disporre il provvedimento inibitorio di un intero plesso solo a tempo determinato. Nel dettaglio deve: valutare il rischio nell'immediatezza e prendere la decisione di una chiusura temporanea; pensare alla possibilità, se può, di dispone i doppi turni in altro plesso; dato che nessuno è nel plesso ed ha così salvato le vite umane, chiedere, all'RSPP ed all'intero SPP, una relazione interna formale che confermi il provvedimento inibitorio; comunicare, ai sensi dell'art. 18 comma 3, all'ente locale proprietario dell'immobile ed al prefetto il provvedimento di inibizione temporanea in attesa che si possano compiere gli interventi atti a rideterminare le condizioni minime di sicurezza nel plesso. Congiuntamente bisogna chiedere un incontro formale in prefettura con gli enti competenti al fine di redigere un verbale prefettizio in cui il DS mette in evidenza le azioni intraprese e demanda l'adozione di una chiusura a mezzo ordinanza prefettizia che può essere a tempo indeterminato; protocollando agli atti d'istituto il verbale prefettizio il DS vigila affinché nessuno entri nel plesso, in attesa degli interventi indefettibili di messa in sicurezza”.

Udir invita tutti i dirigenti scolastici a partecipare ai seminari Io Dirigente. Sicurezza, Salute, Retribuzione, Relazioni sindacali, durante i quali verranno affrontate queste e altre tematiche. Prossimi incontriRoma (scheda di adesione),  Napoli (scheda di adesione) e Milano (scheda di adesione); per prendervi parte, inviare la scheda di partecipazione all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

LEGGE DI STABILITÀ - Udir presenta in Senato emendamenti su perequazione interna ed esterna, sicurezza, ripristino e aumento Fun

LEGGE DI STABILITÀ – Dirigenti scolastici, Udir chiede al Senato di affrontare il nodo degli stipendi

RINNOVO CONTRATTO P.A. - Udir: ridotti alla miseria dirigenti statali della Scuola, Comuni, Regioni e medici

LEGGE DI STABILITÀ - Udir: ultimo appello ai deputati prima dell'apertura dei ricorsi sulla perequazione esterna

LEGGE DI STABILITÀ - Sicurezza scuole, tutto rimane come prima: i presidi saranno costretti a chiuderle

Cassazione: pure gli istituti non a norma in zone a basso rischio sismico vanno chiusi dai presidi. Appello Udir-Confedir ai dirigenti scolastici: non assumete più responsabilità sulla vostra pelle

Sicurezza, per lo Stato il tempo delle proroghe agli obblighi di prevenzione incendi è scaduto: le scuole senza certificazione vanno chiuse

Sicurezza, i dirigenti scolastici non dormono sonni tranquilli: troppi rischi sullo stato degli edifici, bisogna scrivere a Comuni e Province

Sicurezza, cambiano le norme antincendio ma i rischi rimangono alti e i dirigenti scolastici i capri espiatori

Sicurezza, gli alunni come i lavoratori: devono seguire i corsi di formazione organizzati dai dirigenti

SCUOLE INSICURE – Crolli ad Eboli e Fermo, inquietante silenzio sulle tragedie sfiorate: tanto poi la colpa è dei presidi

Dirigenti scolastici, si aprono le trattative all’Aran per la nuova area dell’istruzione e della ricerca: se ne parla domani a Palermo nel corso di un convegno nazionale Udir

Prevenzione incendi, è allarme per migliaia di istituti non a norma. Appello Udir ai presidi: tutelatevi diffidando Comuni o Province

Sicurezza degli edifici scolastici e ristrutturazioni edilizie. Pacifico (Udir): il dirigente scolastico non può essere perseguito come datore di lavoro

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza: nuovi obblighi per i dirigenti scolastici

Sicurezza, Udir: allarme già ampiamente dato, adesso vogliamo vedere i fatti

Crollano ancora tetti e controsoffitti, Bussetti minimizza: no allarmismi e chiusure preventive. Udir non ci sta: pronte le diffide ai Prefetti

Scuole insicure, dirigenti scolastici alle prese con una miriade di adempimenti da assolvere in fretta: neo-assunti e reggenti rischiano grosso

Sicurezza, il Ministro annuncia corsi della protezione civile per gli alunni. Udir: bene, ma devono studiare in istituti a norma

Dopo sei mesi di trattative si scopre che mancano i soldi per i dirigenti scolastici

 

Contratto dirigenti scolastici. Udir chiede che fine abbia fatto la Ria


Nuovo incontro all’Aran e vecchia storia: non si arriva alla risoluzione dei problemi

 

Videosorveglianza, Udir: si restituisca al dirigente scolastico e ai suoi collaboratori il compito di vigilare

© 2016 All Rights Reserved - Privacy