Udir, giovane sindacato che sta a fianco dei DS, dal moneto della sua fondazione sta portando avanti delle vere e proprie battaglie inerenti alla retribuzione dei capi d’istituto, non adeguata all’operato che compete loro e alle responsabilità, talvolta anche penali, che ricadono su di essi. Lancia ancora una volta un appello alle organizzazioni sindacali rappresentative, affinché non firmino un contratto che non dà loro il giusto riconoscimento e ricorda ai soci e ai non soci che ha attivato dei ricorsi per far valere le ragioni nei tribunali e recuperare così quanto spettante.


Ricorso Ria

Ricorso Fun

Ricorsi UDIR

 

 

È stato pubblicato di recente il Rapporto Eurydice 2018,  documento ufficiale della Commissione EuropeaIl  capo di istituto in Europa, che tra altri aspetti evidenzia la retribuzione dei capi di istituto nei diversi stati membri. Chiariamo subito che quelli riportati sono gli stipendi base, cioè sono escluse le indennità accessorie sempre previste; tutti gli stipendi base variano da un minimo a un massimo in relazione a un parametro comune a tutti i paesi, come il numero degli alunni, anche solo 140, e talvolta in relazione al grado di istruzione. Il Rapporto confronta in particolare cinque paesi dell’Unione: Finlandia, Francia, Germania, Spagna, Inghilterra, scelti “tenendo conto del generale maggiore interesse dell’utenza nonché della possibilità di descrivere realtà diversificate dal punto di vista della distribuzione delle responsabilità – gestione centralizzata o decentralizzata delle scuole – e da quello delle modalità di reclutamento o delle caratteristiche contrattuali”. Inoltre risultano omogenei per la forte attenzione sociale alla scuola e ampiamente diversi per gli aspetti amministrativi e contrattualistici.

Di seguito la tabella che riporta gli stipendi base delle 5 nazioni, a cui aggiungiamo quelli dei dirigenti scolastici italiani.

Paese

Minimo

Massimo

FINLANDIA

49.198

65.638

FRANCIA

40.997

64.092

GERMANIA

55.536

94.991

SPAGNA

36.973

46.850

INGHILTERRA*

50.733 **

124.562**

ITALIA

43.310,93

43.310,93

 

 

* In Inghilterra il capo d’istituto ha responsabilità coincidenti con quelle dei DS italiani e un gruppo di direzione istituzionalizzato

** In euro al tasso di cambio odierno 0,8794

Negletti rispetto all’Europa e discriminati in patria rispetto ai colleghi dirigenti di seconda fascia che percepiscono tutti almeno 40 mila euro in più di loro, gli ex presidi si vedono negata giustizia da oltre 20 anni. Udir chiede di porre fine a questa situazione limite che implica il mancato e giusto compenso della categoria dei DS a cui non viene riconosciuto lo status pari a quello degli altri dirigenti. Per tali motivi, il sindacato respinge al mittente un contratto che dopo 21 anni dalla legge 59/97 continua a perpetuare discriminazioni inaccettabili tra i dirigenti posti a capo di una scuola e tutti gli altri, pur a parità di funzioni, con un’ampia sperequazione delle responsabilità e dei carichi di lavoro a tutto svantaggio dei DS. Invita dunque, nuovamente, le organizzazioni sindacali rappresentative a non firmare l’ennesimo contratto a perdere, sicuro del fatto che i dirigenti scolastici non lo vogliono e che si opporranno, anche in sede giurisdizionale, con il supporto del giovane sindacato.



 

PER APPROFONDIMENTI:

 

LEGGE DI STABILITÀ - Udir presenta in Senato emendamenti su perequazione interna ed esterna, sicurezza, ripristino e aumento Fun

LEGGE DI STABILITÀ – Dirigenti scolastici, Udir chiede al Senato di affrontare il nodo degli stipendi

RINNOVO CONTRATTO P.A. - Udir: ridotti alla miseria dirigenti statali della Scuola, Comuni, Regioni e medici

LEGGE DI STABILITÀ - Udir: ultimo appello ai deputati prima dell'apertura dei ricorsi sulla perequazione esterna

LEGGE DI STABILITÀ - Sicurezza scuole, tutto rimane come prima: i presidi saranno costretti a chiuderle

Cassazione: pure gli istituti non a norma in zone a basso rischio sismico vanno chiusi dai presidi. Appello Udir-Confedir ai dirigenti scolastici: non assumete più responsabilità sulla vostra pelle

Sicurezza, per lo Stato il tempo delle proroghe agli obblighi di prevenzione incendi è scaduto: le scuole senza certificazione vanno chiuse

Sicurezza, i dirigenti scolastici non dormono sonni tranquilli: troppi rischi sullo stato degli edifici, bisogna scrivere a Comuni e Province

Sicurezza, cambiano le norme antincendio ma i rischi rimangono alti e i dirigenti scolastici i capri espiatori

Sicurezza, gli alunni come i lavoratori: devono seguire i corsi di formazione organizzati dai dirigenti

SCUOLE INSICURE – Crolli ad Eboli e Fermo, inquietante silenzio sulle tragedie sfiorate: tanto poi la colpa è dei presidi

Dirigenti scolastici, si aprono le trattative all’Aran per la nuova area dell’istruzione e della ricerca: se ne parla domani a Palermo nel corso di un convegno nazionale Udir

Prevenzione incendi, è allarme per migliaia di istituti non a norma. Appello Udir ai presidi: tutelatevi diffidando Comuni o Province

Sicurezza degli edifici scolastici e ristrutturazioni edilizie. Pacifico (Udir): il dirigente scolastico non può essere perseguito come datore di lavoro

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza: nuovi obblighi per i dirigenti scolastici

Sicurezza, Udir: allarme già ampiamente dato, adesso vogliamo vedere i fatti

Crollano ancora tetti e controsoffitti, Bussetti minimizza: no allarmismi e chiusure preventive. Udir non ci sta: pronte le diffide ai Prefetti

Scuole insicure, dirigenti scolastici alle prese con una miriade di adempimenti da assolvere in fretta: neo-assunti e reggenti rischiano grosso

Sicurezza, il Ministro annuncia corsi della protezione civile per gli alunni. Udir: bene, ma devono studiare in istituti a norma

Dopo sei mesi di trattative si scopre che mancano i soldi per i dirigenti scolastici

Contratto dirigenti scolastici. Udir chiede che fine abbia fatto la Ria

Nuovo incontro all’Aran e vecchia storia: non si arriva alla risoluzione dei problemi

Udir sostiene le richieste dei Dirigenti Scolastici della Sardegna per dotare le scuole dei Dsga mancanti

© 2016 All Rights Reserved - Privacy