In primo piano

Partecipa, martedì 4 agosto dalle 16:30 alle 17:30, al webinar interattivo:

Tra gli emendamenti richiesti risulta fondamentale chiarire le responsabilità del dirigente scolastico nella qualità di datore di lavoro a fronte dell’emergenza epidemiologica, quali interventi edilizi siano necessari specialmente nelle zone sismiche o ad alto rischio idrogeologico, l’eliminazione delle reggenze con la contestuale assunzione di tutti i dirigenti scolastici sui posti disponibili. Partecipa, martedì 4 agosto dalle 16:30 alle 17:30, al webinar interattivo: Ordinanza organici aggiuntivi e indicazioni operative scuola dell'infanzia, "Come può il Ds aprire la scuola in sicurezza a settembre"; intervengono: il presidente Udir Marcello Pacifico, l’ingegnere Natale Saccone Esperto sicurezza e l’avvocato penalista Maria Bruccoleri. Per registrarti: https://register.gotowebinar.com/register/8346135889353155341

Vai al testo degli emendamenti

Marcello Pacifico (presidente nazionale Udir): Sono misure atte a rendere più fluido il lavoro per tutti, vista la particolare situazione emergenziale volta a tutelare l’operato di chi deve garantire l’istruzione dei nostri ragazzi rispettando la normativa a salvaguardia di tutta la comunità scolastica

 

Monitorare ulteriormente le strutture scolastiche per determinare esigenze di spazi in vista della ripresa delle attività didattiche fissata per il prossimo 14 settembre: a chiederlo direttamente ai dirigenti scolastici, con la nota n. 1359 del 30 luglio 2020, è il ministero dell’Istruzione. Nella nota si chiede ai capi d’istituto di “compilare entro le ore 14.00 del giorno sabato 1° agosto” un apposito “sintetico questionario finalizzato a rilevare, a livello nazionale e alla data attuale, il fabbisogno di ulteriori spazi necessari alle istituzioni scolastiche per garantire la ripresa delle attività didattiche in presenza nel mese di settembre 2020”.

Il sindacato ritiene positiva l’iniziativa ministeriale, anche se tardiva perché attuata obiettivamente troppo a ridosso del nuovo anno scolastico. “A questo punto – dichiara Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e Udir – considerando che manca solo un mese per intervenire sui locali alternativi, la scelta migliore, probabilmente obbligata, per non arrivare impreparati all’inizio delle lezioni - costringendo gli istituti a svolgere improbabili doppi turni, a ridurre il tempo scuola o a proporre la didattica digitale integrata – non può essere che quella di individuare i nuovi spazi ritenuti necessari dai presidi all’interno delle scuole dismesse negli ultimi 12 anni a causa del dimensionamento imposto dalla Legge 133 del 2008. Si tratta di ben 15 mila plessi che, naturalmente in accordo con enti e istituzioni locali, con pochissimi accorgimenti potrebbero essere immediatamente adibiti all’utilizzo scolastico”.

Tocca ai dirigenti scolastici dimostrare quali siano le esigenze per ridefinire il numero degli studenti per classe e il fabbisogno del personale docente e amministrativo per mettere in atto tutte le strategie utili secondo le linee guida e i protocolli ministeriali per la riapertura delle scuole in sicurezza al tempo del Covid-19. Marcello Pacifico (Udir): Diventa fondamentale l’attività istruttoria e decisionale che ogni dirigente scolastico farà per dimostrare di aver adempiuto a quanto previsto dalle prescrizioni ministeriali